2a edizione del metal detector day

2a edizione del metal detector day
11 giugno 2017
Presso Castello di Sorci (AR)
Chi ama Castelluccio, continua a sostenerci!
L’intero ricavato dell’evento sarà devoluto alla nostra ONLUS.
Grazie a tutti quelli che, giorno dopo giorno, ci aiutano a rialzarci!


by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-06-04 11:44:09


Quella che dovrebbe essere la normalità che ci piaceva tanto.

Quella che dovrebbe essere la normalità che ci piaceva tanto.
Una piazza all’alba, la colazione al bar, la quiete.
Ci manca il nostro Castelluccio!
E ci dispiace per tutti coloro che non lo capiscono.

Ph. Cesarina Ciminelli






by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-06-04 11:26:36


Festa della Repubblica, da res publica, cosa di tutti.

Festa della Repubblica, da res publica, cosa di tutti.
Castelluccio è dei Castellucciani e patrimonio di tutti, ma in questi interminabili mesi è stato “cosa” sorvegliata e difesa dall’Esercito Italiano a mezzo degli Alpini.

Il ringraziamento di oggi va a coloro che, giorno dopo giorno, prestano i loro occhi e salvaguardano la sicurezza dei nostri luoghi per noi che non possiamo essere a 1451 metri.
Principalmente grazie alla 44^ Compagnia Fucilieri “L’Ardita” che sin dai primi giorni dopo il sisma ha svolto il suo compito con dedizione e grande rispetto per il nostro dolore, trattando il nostro Paese come se quelle pietre e strade e montagne, fossero le loro.
Spesso si sono ritrovati tenaci Castellucciani giunti dai monti per strade impraticabili che, con occhi smarriti, dovevano vedere il proprio paese ferito, un po’ come si fa visita a qualcuno malato. Ma c’era di più e gli Alpini lo capivano. C’erano volti che cercavano tra i frammenti delle loro case la propria identità e tra le montagne ed il cielo la speranza di non perderla.
Così, capitava che ci offrissero un piatto di pasta con quello che c’è. Un sorso di vino ed il conforto di un silenzio carico di mille parole.
Ancora oggi gli Alpini, 65^ Compagnia “La Manilla”, sono gli unici abitanti di Castelluccio, insieme ai quattro gatti ed alle tre volpi a cui non fanno mancare uno sguardo.

Quindi grazie per la professionalità, la cura e l’impegno profuso verso i nostri luoghi ed animali. Una presenza che è stata, ed è, determinante per salvaguardare e mantenere integra la nostra identità.

Di seguito un articolo preparato dal Capitano D’Aniello che molto dice sul legame creatosi tra gli Alpini e Castelluccio.

“Castelluccio di Norcia, 26 novembre 2016. Tommaso ha 31 anni ed è un primo caporal maggiore dell’esercito italiano. È giunto in Umbria qualche settimana fa assieme ad altri 200 militari del suo reggimento, il 5° Reggimento Alpini, con un compito ben preciso: coadiuvare le forze dell’ordine nel controllo e nella sorveglianza dei centri abitati di Umbria e Marche maggiormente colpiti dagli eventi sismici del 26 e del 30 ottobre, aree che sono oramai per lo più disabitate, specie nelle ore notturne, a causa dell’evacuazione dei suoi abitanti per motivi di sicurezza.
Il Primo Caporal Maggiore Salvi è impiegato sin dalle prime ore del 11 novembre presso Castelluccio (PG), uno dei centri maggiormente danneggiati dal sisma. Nel borgo ormai pressoché deserto, il militare italiano ha notato un cane apparentemente abbandonato: un cucciolo di poco meno di un anno, che ricorda un pastore maremmano.
A seguito di controlli da parte dell’autorità comunale competente, il cane risulta effettivamente sprovvisto dell’apposito micro-chip e quindi destinato ad un canile.
Da qui la decisione di dare una casa a Sibilla, il nome scelto dal Primo Caporal Maggiore: sabato Sibilla lascerà la sua terra (di cui ne porterà il nome, a perenne ricordo dei Monti Sibillini), per ricominciare una nuova vita nella campagna aretina, a casa dei genitori del militare.
Passerà tuttavia del tempo prima che Sibilla possa stare con il suo nuovo padrone: l’impegno dei militari italiani in centro Italia per le situazioni d’emergenza sorte dopo i recenti eventi sismici continuerà infatti fino al termine dell’esigenza.”

Ph di Castelluccio, oggi, gentile concessione degli Alpini.
Ph di Tommaso&Sibilla, repertorio.




by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-06-02 07:10:38


Organizziamo un po’ di materiale e tra le cose c’è questa. Una foto dell’esterno della chiesa di Castelluccio di Norcia, circa 10 giorni prima del disastro. Luglio 2016 durante il MeetUp di IgersUmbri

Organizziamo un po’ di materiale e tra le cose c’è questa. Una foto dell’esterno della chiesa di Castelluccio di Norcia, circa 10 giorni prima del disastro. Luglio 2016 durante il MeetUp di IgersUmbria. #fioritura


Organizziamo un po’ di materiale e tra le cose c’è questa. Una foto dell’esterno della chiesa di Castelluccio di Norcia, circa 10 giorni prima del disastro. Luglio 2016 durante il MeetUp di IgersUmbria. #fioritura
by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-05-30 08:58:35


La nostra piazzetta dove siamo cresciuti.

La nostra piazzetta dove siamo cresciuti.
La nostra Chiesa di Santa Maria Assunta simbolo della nostra comunità.
Insieme ce la faremo.❤️


Organizziamo un po’ di materiale e tra le cose c’è questa. Una foto dell’esterno della chiesa di Castelluccio di Norcia, circa 10 giorni prima del disastro. Luglio 2016 durante il MeetUp di IgersUmbria. #fioritura
by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-05-30 08:20:19


Festa della mamma, oggi.

Festa della mamma, oggi.
Diversa, dolorosa e coraggiosa. Lacrime e sorrisi. Come la Vita che mai smette di stupire per quanto è atroce e bella.

Tre mamme (e papà) di Pomezia hanno perso, ciascuno, un figlio, con il terremoto a Pescara del Tronto ed Arquata, ma non il cuore.

Così, Arianna, Elisa e Gabriele continuano a vivere nelle iniziative per gli adolescenti portate avanti da Il Sorriso Di Arianna, Onlus che oggi ha organizzato una corsa all’interno della città di Pomezia. Ci hanno, ancora una volta, voluto al loro fianco, insieme alla Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Pomezia ed alla Confraternita Misericordia di Pomezia, che nell’emergenza hanno aiutato le popolazioni colpite dal sisma.
E ci siamo stati.
C’eravamo alla partenza, quando devi trovare le energie per andare avanti.
C’eravamo sotto le case di ciascuno dei tre ragazzini a far volare palloncini con le rispettive iniziali, quando devi trovare la forza di lasciare andare.
C’eravamo all’arrivo, quando devi trovare il coraggio di riprendere fiato ed andare avanti.
La corsa della Vita, con le sue fatiche, le tappe, le riprese… mai metafora fu più calzante.
Arianna, Elisa e Gabriele amavano i luoghi delle loro origini che solo chi li ha dentro come noi, sa che la parola libertà e crescita risiedono tra quelle montagne. Il senso di appartenenza e quella smania di “andare sù” che non ti lascia mai.
Loro amavano Castelluccio, e la loro comunità che ha dato vita alla Onlus che porta il nome di Arianna, vuole fermamente stare al nostro fianco per aiutarci a riportare la Vita a Castelluccio.
Non ci sono macerie del cuore da cui non possa rinascere la vita.
Abbiamo donato loro un coppo proveniente dalla nostra terra con impresse le immagini di Castelluccio, affinché presto si possano ricostruire i tetti che riparano i luoghi dove risiede il nostro cuore.
Grazie mamme (e papà) coraggiosi e forti.
Siamo con voi.













by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-05-14 12:41:56


Domenica ore 10.00

Domenica ore 10.00
Partenza da Piazza San Benedetto da Norcia (Pomezia).
Una bella passeggiata di solidarietà!
VI ASPETTIAMO!


www.ilsorrisodiarianna.org
Ecco a voi la tanto attesa emozionante iniziativa,domenica 14 maggio appuntamento in piazza S.Benedetto Da Norcia per passare una mattinata tutti insieme e ricordare i nostri RAGAZZI .Le iscrizioni saranno aperte dalla settimana che precede l’evento.

“CORRIAMO PER LORO ”
Evento sociale non agonistico.
by Per La Vita Di Castelluccio Di Norcia Onlus il 2017-05-12 09:29:45